Calcolo ovulazione: qual è il vero periodo fertile?

0

Il calcolo ovulazione è fondamentale per una coppia che desidera un figlio e vuole ottimizzare le possibilità di diventare genitori. Allo stesso modo questo calcolo può rivelarsi importante anche per coloro che, al contrario, vogliono evitare una gravidanza.

L’ovulazione rappresenta il periodo migliore se si desidera concepire un bambino; si tratta infatti del periodo di massima fertilità di una donna. Oggi è possibile disporre di alcuni strumenti che consentono di conoscere i giorni precisi dell’ovulazione e i ritmi del proprio corpo. Come iniziare? Seguendo con attenzione il funzionamento del proprio ciclo mestruale.

Ovulazione: cosa significa? L’ovulazione corrisponde al periodo che si presenta quando l’ovocita viene espulso dalle ovaie, dai 16 ai 12 giorni prima della successiva mestruazione; solitamente si manifesta con perdite e dolori all’altezza delle ovaie. Se si desidera una gravidanza, per concepire è necessario effettuare il calcolo ovulazione in maniera precisa, in modo da permettere allo sperma di unirsi all’ovulo presente all’interno della tuba di Falloppio.

Andando nello specifico, nel periodo di ovulazione si hanno a disposizione 6 giorni fertili: questi corrispondono ai cinque giorni precedenti e al primo giorno effettivo di ciclo mestruale. Dopo questo breve periodo, le cellule interne all’ovulo restano feriti dalle 12 alle 18 ore, mentre lo sperma resta attivo per 5 giorni.

Calcolo ovulazione: il metodo classico

I giorni di massima fertilità durante l’ovulazione sono due, ma questo non significa che negli altri giorni manchino le possibilità di concepimento. Il metodo classico è senza dubbio il più utilizzato ma è anche il meno esatto, perché ogni donna è differente e soprattutto perché l’inizio del flusso mestruale può subire delle variazioni di mese in

calendario mestruale

Calendario mestruale: i giorni fertili

mese. Considerare quindi il periodo di ovulazione come quello immediatamente vicino ai 14 giorni successivi all’inizio dell’ultima mestruazione non è da considerarsi attendibile.

L’irregolarità del ciclo può essere determinata non solo da un fattore genetico ma anche dallo stile di vita. Lo stress, l’assunzione di alcuni farmaci e l’alimentazione scorretta potrebbero compromettere il calendario mestruale e, meno frequentemente, la stessa fertilità: un calcolo preciso del calendario ovulazione non è da considerarsi possibile, proprio per i cambiamenti che il ciclo può subire ogni mese.

Il dolore che il periodo fertile causa in alcune donne può essere paragonato al mal di pancia in gravidanza. Allo stesso modo si può dire che i dolori premestruali o gravidanza abbiano gli stessi sintomi dell’ovulazione; per questo motivo, quando si cerca di concepire, si può incappare nel dubbio di una presunta fecondazione. In caso di titubanza, si consiglia di effettuare degli esami specifici per verificare se ci sia o meno una gravidanza in corso.

Calcolo ovulazione: i metodi più conosciuti

Come dicevamo prima, il calcolo periodo fertile non è solo quello classico. Esistono numerosi metodi altrettanto utilizzati e – in alcuni casi – affidati alle mani delle nuove tecnologie.

Scopriamo insieme gli altri metodi più utilizzati per il calcolo ovulazione.

calcolo fertilità

Calcolo fertilità: gravidanza?

LEGGI ANCHE >> L’IMPORTANZA DI SENTIRSI BELLE: IO ME LE FACCIO NATURALI

Metodo Ogino Knaus

Il metodo Ogino Knaus è nato in seguito a uno studio approfondito da parte di due medici omonimi, condotto al fine che ogni donna potesse effettuare in modo naturale il calcolo giorni fertili, sfruttandolo per avere o, al contrario per evitare, una gravidanza. Noto anche come metodo “del ritmo”, dovrebbe aiutare una coppia nella scelta più consapevole per il futuro.

Come calcolare il periodo fertile con questo metodo? In linea generale il discorso fatto da Ogino Knaus è lo stesso del metodo classico: il calcolo dell’ovulazione viene effettuato considerando il quattordicesimo giorno successivo all’inizio delle mestruazioni.

I vantaggi interessano soprattutto le donne che hanno un ciclo regolare, le quali possono programmare una gravidanza senza pensieri, determinando il giorno più probabile per la fecondazione. Si tratta, tuttavia, di un metodo non affidabile, soprattutto per coloro che hanno un ciclo irregolare e non possono fare alcun tipo di calcolo preventivo.

Metodo temperatura basale

Il metodo temperatura basale è un altro sistema naturale che si basa sulla temperatura corporea. Si parte dal presupposto che la temperatura del corpo aumenta dal giorno successivo all’ovulazione. In questo caso diventa importantissimo effettuare la misurazione durante tutto il mese, sempre alla stessa ora e con la stessa modalità (bocca, ascella, inguine). Il calcolo ovulazione per rimanere incinta ed ottenere molte più probabilità di concepimento è da eseguire giornalmente.

Metodo sintotermico

Il metodo sintotermico si basa principalmente sul controllo della temperatura basale unitamente alla manifestazione del muco cervicale: questo controllo incrociato ha dei vantaggi aggiuntivi, visto il doppio monitoraggio sul calcolo dell’ovulazione.

LEGGI ANCHE >> DIETA MANTENIMENTO PER SUPERARE LA PROVA COSTUME

Applicazioni per calcolo ovulazione

Per il calcolo ovulazione e periodo fertile, grazie ai sistemi più avanzati che la tecnologia offre, oggi è possibile capire quando è possibile rimanere incinta tramite diverse app scaricabili sul cellulare:

  • calcolo giorni fertili

    App femminili per calendario ovulazione

    Calendario Woman Log: un’app completa che permette di segnare le varie fasi e variazioni del ciclo, monitorando l’ovulazione tramite alert. Il calcolo ovulazione in premenopausa è molto più facile da tenere sotto osservazione.

  • Il mio calendario mestruale: esattamente come sopra, con l’aggiunta di grafici che permettono di tenere sotto controllo la temperatura basale e le variazioni di peso;
  • Clue: un’app molto particolare studiata appositamente per tracciare al meglio ed in maniera facile sia il ciclo mestruale che i giorni fertili. I contatori giorni sono molto precisi anche in caso di calcolo ovulazione con ciclo irregolare.
  • Igyno: è un ginecologo virtuale ricco di funzioni, con il quale calcolare il periodo fertile: è possibile monitorare la propria ovulazione, fare il calcolo giorni fertile, impostare l’alert per la mestruazione e ricevere le notifiche in caso di variazioni; il tutto in maniera semplice ed intuitiva.

Calcolo ovulazione: cosa accade dopo

Al termine dell’ovulazione si parla di fase luteale: questa coincide con la preparazione della parete interna dell’utero al concepimento e gravidanza. In particolare, tra il sedicesimo e il diciassettesimo giorno:

  1. se l’ovulo risulta essere fecondato, dopo 6 giorni dal rapporto sessuale si installa all’interno dell’utero, per poi dar corso al processo;
  2. se l’ovulo non risulta essere fecondato, la fecondazione non avviene e il corpo si prepara alla mestruazione successiva.
calcolo periodo fertile

Gravidanza: come fare il calcolo periodo fertile

LEGGI ANCHE >> PROBLEMI DI STITICHEZZA IN ALLATTAMENTO?

I falsi miti sui 28 giorni

Come spesso accade, anche in tema di ovulazione circolano dei falsi miti da cui è meglio stare alla larga. Si tratta di credenze largamente diffuse che, pur essendo infondate, non bisogna sottovalutare, sopratutto se l’intento è quello di evitare una gravidanza. Ecco i 3 principali “Non è vero che”:

  • … si può rimanere incinta solamente tra le due mestruazioni;
  • … durante il ciclo si possono evitare i metodi contraccettivi;
  • … una volta terminata l’ovulazione non si possa più fecondare l’ovulo.

E soprattutto, come sappiamo, non possiamo cercare o evitare una gravidanza basando tutti i nostri calcoli sul ciclo mestruale pari a 28 giorni. L’organismo, il calendario e la predisposizione di ogni donna sono differenti per ognuna di noi.

Share.