Pulizie di primavera: organizzazione veloce ed efficace

0

Quando parliamo di pulizie di primavera ci riferiamo a pulizie scrupolose di ogni ambiente della casa, necessarie al cambio di stagione sia per la salute di tutta la famiglia che per il nostro benessere psicologico. Come spesso accade però, la prima sensazione che ci assale è lo sconforto (la soddisfazione per il lavoro ben fatto arriverà, ma solo a cose ultimate).

Come cominciare? Quale organizzazione seguire? Meglio stanza per stanza?

Trovi tutte le risposte in questo articolo.

Organizzare le pulizie di casa

Per gli Ebraici, la pulizia di casa, in concomitanza con le festività pasquali, aveva il significato di un vero e proprio rito di purificazione: oggi, coincide con l’eliminare polvere e sporco da superfici ed elettrodomestici di cui di norma non si esegue una pulizia quotidiana.

Quindi da dove iniziare per fare pulizie?

Nel momento in cui cominci a liberare i letti da piumoni e trapunte, il consiglio è di raccoglierle insieme e portarle subito in lavanderia. Procedi poi con il lavaggio delle tende e, man mano che le sistemi nuovamente, lava gli infissi e pulisci i vetri di ogni singola finestra. Il carico di lavoro risulterà meno pesante e potrai dosare meglio le energie, senza sentirti sopraffatta: una condizione che invece potrebbe verificarsi, se ti prefiggi di pulire in un solo giorno tutti gli infissi di casa e i vetri (e poi non riesci).

A questo punto, continua le tue pulizie di casa, procedendo stanza per stanza. Sarà più semplice (e meno stressante) mantenere il controllo.

>>LEGGI ANCHE: Pulire casa prima delle vacanze<<

Come fare le pulizie di casa? Meglio procedere stanza per stanza

Prima di cominciare, assicurati di avere tutto a portata di mano: spugne, detergenti, aceto e bicarbonato, guanti. E finalmente affronta in modo logico le grandi pulizie di primavera, dedicando la tua attenzione a un solo ambiente alla volta.

Fare le pulizie in cucina

È il cuore della casa, l’ambiente più vissuto ma anche quello più soggetto all’accumulo di sporcizia e rifiuti. L’ideale è procedere nelle pulizie iniziando dall’alto verso il basso.

Ecco le zone su cui concentrarti:

  • piano di lavoro
  • pensili
  • cassetti
  • frigorifero
  • forno
  • lavastoviglie
  • piano cottura e fornelli
  • cappa
  • faretti o lampadari

Man mano che svuoti i mobili per pulirli, approfitta per fare decluttering (quindi buttare nella spazzatura tutto ciò che è inutile, rotto o scaduto).

Pulire il soggiorno da cima a fondo

Comincia con il lavoro più ostico: la cristalliera! Togli bicchieri, piatti, servizi da caffè e tè e rinfrescali in lavastoviglie. Poi pulisci tutto con un panno umido e lucida l’argenteria.

Sfodera il divano, lava i cuscini e aspira ogni angolo per eliminare polvere e briciole. Pulisci i tappeti con del bicarbonato e qualche goccia di olio essenziale e passa l’aspirapolvere.

In ogni stanza, non dimenticare il calorifero, il lampadario e i quadri.

Camera da letto igienizzata

In questa camera, il lavoro più pesante riguarda la pulizia del letto. Lava i guanciali in lavatrice, passa l’aspirapolvere sui materassi e cospargi con bicarbonato. Spazzola e dopo un paio d’ore aspira.

È il momento di pulire gli armadi, all’esterno e all’interno. Non farti tentare però dal cambio di stagione degli indumenti, ci sarà tempo tra qualche giorno per quest’altra incombenza. Ora rimani concentrata sull’obiettivo “casa pulita”!

Pulizie di primavera in bagno

Lasciarlo per ultimo, nella scaletta degli ambienti da pulire, è una questione di comodità. In fondo lo utilizzerai di continuo, per pulire le altre stanze. Quando tutta la casa risplenderà, concentrati su quest’ultima fatica (sprint finale verso il traguardo!). in questo caso serviranno gli spazzolini da denti: acquista quelli nuovi per tutta la famiglia e strofina piastrelle, sanitari, box doccia e tubature. Il tuo bagno sarà brillante e profumato, le pulizie di primavera sono terminate!

Share.